Obiettivi del tirocinio formativo

Uno degli obiettivi fondamentali del tirocinio, svolto nel periodo scolastico, è creare un raccordo tra la scuola e il mondo del lavoro. L’istruzione e la formazione mirano, infatti, non solo alla crescita globale della persona e al suo inserimento sociale, ma anche all’inserimento nel mercato del lavoro.

Confrontarsi durante la fase di formazione con il mondo lavorativo in cui successivamente ci si dovrà inserire diventa, quindi, un’esperienza che arricchisce lo studente e, al tempo stesso, serve a verificare la coerenza tra ciò che si apprende in aula e quanto occorrerà possedere dal punto di vista culturale, scientifico e tecnologico (le cosiddette “conoscenze e competenze”) per entrare efficacemente nel mondo del lavoro.

Il tirocinio non costituisce un vantaggio, da un punto di vista formativo, solo per lo studente. Dal tirocinio possono trarre vantaggi anche l’organismo formativo che lo promuove (la scuola) e chi offre la possibilità di realizzarlo (l’impresa).

La scuola, infatti, ha l’opportunità di verificare la corrispondenza tra i programmi che costituiscono la propria of­ferta formativa e le esigenze del mondo produttivo che costitui­scono la domanda di professionalità.

Un avvicinamento ed un dialogo tra questi due sistemi (sistema formativo e sistema produttivo) permette alla scuola di adeguare la sua offerta formativa alla domanda (che proviene dal mondo dell’impresa), cogliendo in tempi più brevi e con meccanismi più sicuri le trasformazioni del mondo produttivo e le nuove esigenze che costantemente emergono da esso. In quest’ottica la nostra scuola ha costituito il Comitato Tecnico Scientifico (CTS). Anche l’impresa trae dei vantaggi da questo dialogo in quanto può beneficiare, senza particolari costi, della collaborazione di giovani generalmente motivati. Inoltre, può avere l’opportunità di conoscere e formare giovani che rispondano alle proprie esigenze organizzative.

Per lo studente/tirocinante si tratta, quindi, di far “pratica” in azienda. Ciò gli permetterà di aggiungere al sapere scolastico le conoscenze maturate direttamente nell’impresa in cui realizza il tirocinio. L’attività concreta che il tirocinio consente di realizzare, quindi, costituisce per lo studente un’occasione di fondamentale importanza per la verifica e il potenziamento delle proprie attitudini e inclinazioni, ma anche per saldare il divario tra sapere e saper fare, inoltre consente alle aziende di avvicinare i propri futuri potenziali lavoratori e di segnalare alla scuola i principali requisiti formativi e professionali e le eventuali carenze.

In funzione degli obiettivi che si vogliono raggiungere e tenendo anche conto delle esigenze formative, della disponibilità dello studente e della disponibilità dell’impresa ospitante la durata del tirocinio può variare considerevolmente. Nella nostra scuola si sono realizzati diverse tipologie di tirocini formativi la cui durata, generalmente, è stata di 22, 40, 50, 80, 120, 160 ore.

Questa voce è stata pubblicata in Generale. Contrassegna il permalink.